Medioevo – ricerce e articoli

14/01/2011

Baybars


Baybars al-Bunduqdārī (1223 – Damasco, 2 maggio 1277) è stato un sultano egiziano, d’origine kipçak.

Quarto Sultano mamelucco, governò l’Egitto e la Siria fra il 1260 e il 1277.

Schiavo turco d’origine qipčaq del sultano ayyubide al-Malik al-Sālih e, prima di lui, di Aydakin Bunduqdār (da cui prese la nisba), Baybars ebbe pelle scura, occhi azzurri e grande forza fisica, oltre a doti di intelligenza non comune e di rara rapidità di giudizio.

Biografia

La prima notizia che lo riguarda fu l’azione di scorta al suo signore al-Malik al-Sālih quando questi fu incarcerato a Karak nel 1239. Successivamente si segnalò per le sue doti di guerriero, nei ranghi del reggimento mamelucco definito Bahriyya (da “Bahr al-Nīl”, fiume Nilo, su un’isoletta del quale erano state predisposte le prime caserme degli schiavi-guerrieri), in occasione della Settima Crociata condotta tra il 1249 e il 1250 dal re santo Luigi IX di Francia.

Schiavo e combattente (1250-1260)

Nel precipitare degli avvenimenti i Crociati, bloccati a Damietta, tentarono una sortita massiccia per sopraffare gli egiziani ayyubidi di al-Sālih Ayyūb, attestati nella vicina cittadina di al-Mansūra. Nello scontro che ne seguì a Fāraksūr si mise per l’appunto in luce Baybars che ebbe parte non piccola nella decisiva vittoria musulmana, dopo aver vanificato la pressione crociata mirante a conquistare al-Mansūra prima che giungessero le decisive forze dell’Emiro Fakhr al-Dīn b. al-Shaykh (che avevano preso prigioniero lo stesso sovrano cristiano, liberato poi dietro versamento dell’enorme somma di 400.000 tornesi d’oro, ossia 800 mila bisanti, prestati dai cavalieri templari).

Baybars prese parte attiva alla successiva eliminazione fisica di al-Muʿazzam Tūrān Shāh (2-5-1250), figlio di al-Sālih Ayyūb, e fu proprio la mancanza di eredi dell’ultimo sultano ayyubide a facilitare l’ascesa al potere dei Mamelucchi che avevano fino ad allora fedelmente servito la dinastia fondata da Saladino.

La fama di Baybars si accrebbe ancor più in occasione dell’epocale scontro che i Mamelucchi impegnarono contro le orde mongole di Hulegu che avevano messo fine al califfato abbaside con la conquista nel 1258 di Baghdad e l’uccisione del califfo al-Mustaʿsim.

In realtà il condottiero mongolo non era presente allo scontro, in quanto tornato in patria per partecipare al Kuriltay (mongolo “assemblea”) dal quale sarebbe uscito tra i fratelli Arik Boke o Kublai Khan (poi eletto), il successore del comune fratello Mongke, Gran Khān dei Mongoli, come lui nipote di Gengis Khan.

Lo scontro avvenne tra i 12.000 mongoli, guidati dal turco nestoriano Kitbughā Nogan, e i 120.000 Mamelucchi condotti dal sultano Qutuz e da Baybars. Il luogo della battaglia fu ʿAyn Jālūt (lett. “La fonte di Golia”) e il 3 settembre 1260 la vittoria non poté che arridere alle splendide cavallerie mamelucche.

L’eco di un combattimento che sulla carta almeno non avrebbe potuto concludersi in maniera diversa, fu enorme in tutto il mondo. Quello islamico innanzi tutto – in cui l’arrivo dei mongoli, fino ad allora imbattuti, sembrava preludere alla fine del mondo e all’affermazione del Dajjāl, l’Anticristo dei musulmani, prima della finale epifania salvifica del Mahdī – ma anche nel mondo cristiano che, se vedeva con soddisfazione la catastrofe che s’abbatteva sull’Islam, non poteva illudersi che quegli stessi mongoli non sarebbero poi presto piombati su di esso.

Ascesa al potere e campagne militari (1260-1275)

Qutuz non godé a lungo i frutti del clamoroso successo perché sulla strada del ritorno fu ucciso nella sua tenda, probabilmente proprio ad opera di Baybars cui non si frapponeva così più alcun ostacolo per il Sultanato.

Con Baybars prese a strutturarsi quel particolare tipo di Stato militare che fu il Sultanato mamelucco e, fedele alla sua indole bellicosa, il nuovo Sultano non perse tempo a restaurare, a partire dal 1261, le città del meridione siriano devastate dai Mongoli, dal Hawran ad Hama.

Per evitare ritorni di fiamma mongoli, Baybars si adoperò per il rafforzamento delle difese mamelucche, dando nuovo impulso alla cantieristica navale e migliorando il servizio di posta (barīd) che fungeva anche da organismo di controspionaggio.

Fu ripresa anche l’azione militare contro i Crociati e fin dal 1263 Baybars tentò di colpire San Giovanni d’Acri, senza trascurare di eliminare le ultime sacche di governo ayyubide in Siria-Palestina, tra cui Karak.

Nel 1265 Baybars, radunato un forte esercito, si slanciò contro ciò che sopravviveva degli Stati crociati. Fino al 1271 le azioni belliche si susseguirono quasi senza requie, facendogli conquistare Arqa nel 1265 stesso, e quindi i castelli di ʿAthlīth e Hayfā. Venne poi il turno di Arsūf e l’anno dopo di Safad. Nel 1268 caddero Giaffa e il castello di Beaufort, di fronte a Tiro, prima del clamoroso tracollo di Antiochia, l’antico Principato conquistato dal normanno Boemondo di Taranto.

Di slancio Baybars occupò anche i castelli di Safīthā, del Krak dei Cavalieri e di ʿAkkār nel 1271.

L’anno prima anche le forze ismailite di Siria si piegarono a pagargli il tributo e gli anni successivi sono caratterizzati da un’instancabile attività guerriera e di riorganizzazione dei domini siriani ed egiziani. Nel 1275 batté le armate riunite mongolo-selgiuchidi e s’impadronì di Cesarea in Cappadocia (attuale Kayseri). In tutto 38 campagne militari, gran parte delle quali condotte di persona.

Campione dell’Islam

La sua popolarità di “campione dell’Islam” si diffuse nella letteratura popolare e nella leggenda e a lui è dedicato un “Romanzo” che ne glorifica anche fantasiosamente le gesta, comunque di grande rilievo storico.

L’ultimo colpo di genio di Baybars fu quello di offrire ospitalità al Cairo a uno scampato alla catastrofe che aveva travolto nel 1258, ad opera dei mongoli, la dinastia musulmana degli Abbasidi, al potere fin dal 750.

La presenza di un califfo abbaside – onorato con grande pompa ma impedito nell’esercizio benché minimo di potere politico e decisionale – consentì ai Mamelucchi di proporsi come i salvatori dell’Islam e come usbergo del califfato. Per quanto definiti “fantasmi” dagli storici, il significato simbolico rivestito da tali “califfi” fu ritenuto nondimeno significativo se è vero che Selim I Yavuz, il Sultano ottomano che abbatté la potenza mamelucca nel 1517, prese al Cairo le insegne del potere abbaside ivi ospitate (tra cui il mantello, o “burda”, del Profeta, la sua spada e la sua lancia), portandole a Istanbul, a dimostrazione della funzione di guida quasi-califfale della Umma assolta dalla sua dinastia.

Baybars morì a Damasco nel 1277, forse per aver ingerito una bevanda preventivamente avvelenata; le sue spoglie riposano al Cairo, in Egitto.

1 commento »

  1. […] La Città Santa fu saccheggiata e la Chiesa del Santo Sepolcro fu profanata e data alle fiamme. Di tutta la popolazione scamparono a questo massacro solo in 300. Dopo tale scempio i Turchi ripartirono e si unirono all’esercito Egiziano del sultano Ayyub comandata dal giovane emiro Baybars. […]

    Pingback di La battaglia di Forbie-Gaza (1244) « Medioevo – ricerce e articoli — 21/07/2011 @ 16:42


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: